Sono selvatica!

Sì, sono giunta a questa conclusione, sono selvatica! Ma non nel senso di rozza  o scontrosa. Sono una persona solitaria , in genere, preferisco stare sola. La solitudine non mi pesa, preferisco stare con le persone per scelta e non per bisogno, preferisco scegliere e non essere scelta. Non mi piacciono le smancerie e posso risultare fredda.

Ma dentro so che ho un cuore generoso, il mio comportamento forse è un retaggio della mia terra, l’ho già detto,  dove si dimostra il bene con i fatti e meno con le parole. Mi piace coltivare l’interiorità, le cose devono avere un interno curato e questo so di trasmetterlo nelle cose che creo.

Devi avere la pazienza e la voglia di scoprire cosa c’è dentro, guardarmi per bene e non solo vedermi, devi scoprire cosa sento e cosa voglio trasmettere altrimenti passa oltre, non siamo compatibili, cerchi altro.

Mi piacciono gli animali selvatici, come i felini o le volpi che sanno stare da soli ma quando decidono di scegliere il prprio branco o un umano da amare sono capaci di tenerezze infinite.

Mi piacciono i luoghi selvatici dove la natura ha il sopravvento come l’isola di Favignana, con la gente schiva e un po’ sospettosa ma se decide di aprire il suo cuore si fa in quattro per te.

Oppure la città di Trapani dove tutto sembra rozzo se guardi l’insieme ma se vai al cuore, guardi il centro, ti accorgi di quanto sia ricca di cultura e di storia.

 

Io, cerco la bellezza, in ogni cosa, cerco di celebrare l‘unicità e la meravigliosa individualità di ogni persona.

 

Ma non cerco la bellezza evidente o la graziosità data da abbellimenti vari, da pizzi e merletti, cerco la bellezza dell’essenziale, fatta da materie prime scelte con cura e da una lavorazione curata nei minimi dettagli.14725645_1081394391981610_7322101982058463756_n.jpg

Cerco, cerco, cerco e ascolto, mi piace ascoltare e non solo le parole, mi piace “ascoltare” gli sguardi e i gesti che sempre svelano più delle labbra che si muovono.

Se mi conosci un pochino e hai letto già qualcosa di me, sai che quando creo tutto parte da una storia, che ho vissuto o magari solo immaginato, ma ci deve essere….perchè è la storia che rende uniche le cose…

TEMPO D’ESTATE

Ed in questa giornata che fa pensare a tutto tranne che all’estate imminente  mettiamoci noi un po’ di sole e di colore…. magari aiuta, anche solo l’umore.

Forza sole esci da dietro le nubi e facci vedere un’anteprima  della bella stagione.

Vuoi qualche esempio???

Eccolo:

18425452_1821149731235043_3926966885865890191_n

Per noi che il sole ce l’abbiamo dentro!!!!

 

Buona giornata a tutti!!!

NON SEMPRE LE PICCOLE COSE SONO FATTE CON POCO (storia di un paio di scarpine)

Buongiorno mondo!!! Questo articolo lo dedichiamo alle persone che si avvicinano alla nostra esposizione durante gli eventi a cui partecipiamo. Tanti ci fanno i complimenti e percepiscono cosa c’è dietro un piccolo paio di scarpine.

Altri, la maggior parte purtroppo, non lo immagina lontanamente.

La versione più semplice, le kimono shoes sono composte da 16 pezzi di stoffa .17425034_1244592142328500_2485611851215162036_n

I sandaletti da 28 (nella fotografia ce ne sono 24 ma mancano i 4 pezzetti di velcro che cuciamo per chiuderli).

Ok questi sono i numeri del materiale che dobbiamo disegnare, tagliare, stirare, unire, cucire, rifinire, rivoltare , cucire a mano perchè il rovescio del lavoro non si veda e poi stirare di nuovo. Niente colla che sarebbe più sbrigativa per certi passaggi, della colla non ci fidiamo, il nostro lavoro è fatto da una serie infinita di piccoli punti.

Bene, questa è una parte del lavoro, ma prima c’è la ricerca del tessuto che porta via tempo, perchè per noi è fondamentale l’uso di tessuti particolari e quindi c’è  una ricerca continua in questo ambito. La ricerca dei modelli a cui ispirarci, la costruzione dei prototipi, il risultato che vedete esposto è frutto di numerose prove e non viene presentato finchè il suddetto non ha risposta positiva alla domanda: – Ma io lo comprerei? –

Finita la confezione ci sono le fotografie da fare, i post da pubblicare, seguire social e negozio online, pensare al packaging: scatole, biglietti da visita etichette e nastri e quando ci sono eventi a cui partecipare pensare a come allestire lo spazio per far risaltare al meglio gli articoli che creiamo.

Per ultimo, anche se in fondo è la cosa per la quale si mette in moto tutto ci mettiamo la PASSIONE, la voglia di creare qualcosa di UNICO per celebrare la meravigliosa UNICITA’ delle PERSONE. Perchè la cosa più gratificante è accoglierle in questo mondo sapendo che sono speciali,  è festeggiare la loro bellezza creando qualcosa per ognuna, cercando dall’inizio della loro vita  di ricordare loro  che, in un mondo che massifica tutto e ci vorrebbe tutti uguali, sono bellissime, diverse e create in un unico esemplare. 🙂

17795840_1773317459351604_3870825315776069171_n

 

 

LA VALIGIA DEI SOGNI

16807299_1229233967192087_130110972295646721_nSta arrivando la primavera  e con essa colori, profumi,sapori  e pensieri freschi, che sanno di fiori, di mare , di nuovi arrivi e di nuove partenze. Hanno la tenerezza e la dolcezza di piccoli germogli, di vite che sbocciano, sogni che si realizzano e nuove scoperte. Con questo spirito mi sto preparando al mio primo evento di primavera. La bravissima Cristina Paganelli, splendida creativa e abilissima organizzatrice di eventi mi a fatto l’enorme piacere di invitarmi al suo evento Naturale eco & chic a Cognento in provincia di Modena.

Come rifiutare? non è possibile!!!! Lei è già di per sé una garanzia della buona riuscita dell’evento e man mano che passa il tempo mi rendo conto che il livello degli espositori che ha invitato è veramente altissimo! Senza contare la location strepitosa:  la storica Villa Forni…..spero  proprio di essere all’altezza. L’evento, per come lo ha pensato Cristina, sarà un vero e proprio viaggio nei 5 sensi con estrema attenzione all’eco sostenibilità e ad uno stile di vita naturale. In mezzo a questo viaggio nei sensi ci sarà uno spazio dedicato agli uomini e le donne di domani, che necessariamente dovranno portare avanti questa filosofia di vita. Lì, in quello spazio incantato ci sarò anch’io, con il mio carico di sogni e con le mie scarpine con cui spero sempre di augurare ai piccolini una vita “sulla buona strada”.

Per questo evento ho pensato di mettere i miei sogni tutti in una valigia, ma una valigia speciale, creata da me perchè se i sogni sono così grandi da sperare che mi portino in giro per il mondo, anche il contenitore deve essere speciale…. no?

17212138_1736585719691445_3008507863292673298_oVi aspetto, se siete da  parti  di Modena il 26 marzo, vi aspetto a villa Forni a Cognento! Sicuramente non ve ne pentirete! Ci saranno un sacco di cose belle, buone e profumate da vedere e da provare 🙂

P. S.  AUGURI A TUTTE LE DONNE!!!!!

Bellezza

A volte poesia e bellezza dipendono dai punti di vista.16002744_1672035382813146_2177273270279652814_n (2).jpg

RITORNARE ALLE ORIGINI

pini

Qualche volta fa bene staccare e prendersi tempo per se, un po’ più di mezz’ora/un’ora come succede di solito. Io ho avuto la possibilità di farlo questo  weekend.

Sono andata a trovare mia madre, il che purtroppo, per questioni di lontananza e di tempo capita di rado. Guidando verso est, direzione Friuli ho pensato che la mia vita, fino ad ora, si è svolta nella direttrice dell’autostrada A4.

Da Brescia per le visite ai parenti, si  doveva percorrere obbligatoriamente questa autostrada. I parenti da parte di padre a Vicenza e da parte di madre a Udine, mia sorella si è trasferita a Rovigo, passiamo le vacanze a Sirmione, come si può dire…. una strada, un destino 🙂

Quando ero piccolina, per andare a passare le vacanze dalla nonna materna  i miei punti di riferimento, quelli che mi indicavano che  non mancava molto alla nostra destinazione sono sempre stati 4 sparuti pini marittimi posti in mezzo all’autostrada tra Padova e Venezia. Ebbene quegli alberi sono sempre stati per me motivo di gioia all’andata e tristezza il ritorno.

Una nota doverosa meritano i viaggi di ritorno dal Friuli a Brescia. La macchina, una Bianchina, caricata di tutto e di più, la zia alla guida e la nonna di fianco a lei, io dietro in compagnia di valige e suppellettili vari. In un viaggio che sembrava interminabile, toccando la velocità massima di ben 80 km all’ora, la nonna, che secondo me poteva proprio aver ispirato Carlo Verdone in uno dei suoi film, che ogni tre per due diceva alla zia : -no sta cori!- (non correre) ….  che voleva fermarsi per bisogni fisiologici ogni ora, e secondo me perchè entrando negli autogrill le sembrava di entrare nel paese dei balocchi. I lamenti per la posizione scomoda e la bottiglia di acqua con l’idrolitina e i panini con la frittata per sostentarci. Le mie lacrime di bimba, le vacanze finite, non volevo proprio tornare a casa. Che ricordi!!!

Comunque, che vi devo dire, se potessi io ritornerei a vivere lì. La vita è più a misura d’uomo i ritmi sono più blandi  si riesce a godere ancora delle cose semplici e  poi, se giri l’angolo scopri delle piccole meraviglie come il paese medievale di Valvasone,  un piccolo gioiello.

BAMBINI

Questa mattina ho voluto fare un po’ di conti.. quanti piedini hanno ricevuto in regalo le scarpine che cucio? SETTANTA, settanta paia di piedini hanno ricevuto  le mie scarpine!

Qualcuno potrà dire evvabbè! cosa vuoi che sia! Ma voi avete presente 70 bambini tutti insieme!!! Sono una folla, e questo pensiero mi ha riempito di orgoglio. Porteranno con loro un po’ di me :).

La maggior parte di loro non li vedrò mai ma il mia creatività li ha incontrati nel momento più bello e più puro della loro esistenza. Appena venuti al mondo sono intonsi, hanno tutto da imparare, da scoprire hanno tanto amore da dare e il diritto di riceverne altrettanto.

Questo pensiero riguardo alla mia passione mi ha fatto fare altri conti. A quanti bambinetti, bambini, ragazzi e adolescenti ho insegnato il mio sport in questi 18 anni? Dunque, facciamo una media per difetto di 40 allievi l’anno…x 18 anni…. ooooooh!

QUASI 800 ALLIEVI!!!!!!!!! OOOOHSANTOCIELOOOOO..

Mamma mia, uno non se ne rende conto di quanta varia umanità viene in contatto con te, perchè insieme ai bambini ci sono mamme, papà, nonni e amici vari.

Comunque il senso del mio discorso è che appena nati sono tutti bellissimi, magici con bisogni primari da soddisfare e semplici da capire.

Crescendo si trasformano in bambolotti, bamboline, capricciosetti, musoni, felici, sorridenti, caparbi, svogliati, mocciosi, saccenti, presuntuosi, timidi, sfacciati, riservati, affettuosi, espansivi, indecifrabili.

Diventano, come lo diventiamo tutti, la somma delle esperienze che vivono e delle persone con cui entrano in contatto, poi  mescolando tutto con il carattere di ognuno prendono caratteristiche diverse.

Spero tanto, insegnando, di non aver fatto danni e di essere riuscita a trasmettere l’amore per lo sport, far capire che le sue regole valgono anche per la vita e che le cose fatte con amore hanno un valore aggiunto.

Se potessi li ringrazierei uno a uno perchè ognuno di loro mi ha insegnato a diventare  un’insegnante migliore.

La risposta che mi sono data alla domanda: Perchè fai l’insegnante? Continua ad essere:

INSEGNO PERCHE’ MI PIACE IMPARARE. 🙂